Consigli e piccoli trucchi

Imparare a leggere le etichette alimentari ci aiuta a scegliere i prodotti più giusti per le nostre esigenze

domanda
Scritto da ifmadmin

Leggere le etichette alimentari è un compito importante che ogni consumatore dovrebbe imparare ad assolvere, per acquistare i cibi in modo consapevole.

Imparare a leggere le etichette alimentari in maniera consapevole; ma senza impazzire, è il primo passo per poter decidere se comprare o meno un prodotto. A tal proposito, esistono piccoli trucchetti per risparmiare tempo e denaro.

etichette alimentari

FONTE FOTO: https://www.facebook.com/unanuovateconirene/

Come iniziare a leggere le etichette alimentari in maniera semplice ma efficace

Quando andiamo al supermercato abbiamo sempre fretta e, spesso, non riusciamo a soffermarci più di tanto sulle caratteristiche dei cibi che acquistiamo. Per preservare la nostra salute, e quella dei nostri figli, però, dobbiamo cercare di capire come leggere le etichette alimentari, per sapere quali prodotti portiamo a casa e sulle nostre tavole.

Più un’etichetta è chiara nello specificare le caratteristiche di un alimento e più questo prodotto è valido.

Gli ingredienti, sulle etichette, vengono scritti in ordine decrescente di quantità (questo accade sempre, per legge!), quindi da quello più presente a quello più scarso.

Le componenti presenti in maggiore quantità appaiono quindi nella lista per prime.

FONTE FOTO: https://pixabay.com/it/lo-shopping-alimentari-acquisto-1165618/

Attenzione però a quelli che si possono definire cibi travestiti. Perché proprio questo aspetto può trarre in inganno il consumatore. Se vengono infatti usati più grassi o più zuccheri diversi, questi compariranno più volte nella lista ingredienti e noi dobbiamo saperli riconoscere!.

Ad esempio se un prodotto ha scritto sulla sua confezione senza zucchero, e poi troviamo come ingredienti sciroppo di glucosio, fruttosio, maltosio, amido di mais, succo di mela… questi sono sempre e comunque zuccheri.

Facciamo poi attenzione al colpo d’occhio. Le confezioni più grandi e colorate sono frutto di studi di marketing pubblicitario e non della vendita di alimenti in maggiore quantità o più amici della salute.

Quindi non fidiamoci poi delle apparenze, e controlliamo sempre il peso, soprattutto quello netto, del prodotto che stiamo acquistando. In questo modo non avremo sorprese, specialmente nel suo rapporto quantità-prezzo.

Cosa sono gli “aromi” contenuti nei cibi confezionati?

si tratta di aromi artificiali, prodotti in laboratorio. Se sono naturali, come essenze, oli, succhi di origine vegetali sono specificamente segnalati.

Cosa sono gli additivi?

Gli additivi sono composti da coloranti, emulsionanti, antiossidanti, edulcoranti e sono segnalati attraverso una sigla alfanumerica, solitamente composta con una E + un numero.

FONTE FOTO: https://pixabay.com/it/punto-interrogativo-disegnati-a-mano-2123966/

FONTE FOTO: https://www.facebook.com/unanuovateconirene/

FONTE FOTO: https://pixabay.com/it/lo-shopping-alimentari-acquisto-1165618/

Notizie sull'autore

ifmadmin

Biologa, assistente all'infanzia, studiosa di nutrizione e mamma golosa.

Amo definirmi un miscuglio eterogeneo: versatile, sportiva e amante del buon cibo; sempre pronta a modificare le mie abitudini per vivere al passo con i tempi, seguendo le esigenze della mia stupenda famiglia.

3 Commenti

Lascia un commento

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere utili consigli, ed un regalo speciale!

farina